Il 28 Aprile 2017 “Aperitivo con il Quartetto Sharareh”….

“Un’ altra bellissima occasione di incontrare il Quartetto Sharareh ed ascoltare la sua musica…..”


Una prima parte sarà dedicata all’ ascolto di una parte del nostro vastissimo repertorio ed una seconda parte, la dedicheremo a parlare del vostro evento ed a conoscerv!!
Saremo felici di offrire ai presenti un piccolo aperitivo…
Vi aspettiamo alle 18, presso l’ Hotel A-Roma Lifestyle in via Giorgio Zoega, 59 a Roma .

Non perdetevelo!!…

“Incontrando il Quartetto Sharareh”…25 febbraio e 5 Marzo le prossime date!!

 

Carissimi vi comunichiamo le date  dei prossimi due incontri.
 
Il primo, un pochino più intimo, sarà il 25 febbraio in via Marcello Soleri n.19, alle ore 16.30 presso una sala di “Officine Zero di Roma”, dove prima suoneremo qualche brano dal nostro repertorio e poi, avremo moso di conoscerci e parlare del vostro evento.
 
Il secondo sarà il 5 Marzo in via Giorgio Zoega n.59 presso una sala dell’ Hotel A.Roma lifestyle dalle ore 16.30 in  poi. In questo caso siamo parte di un evento, che durerà fino alle 21.00 durante il quale suoneremo qualche brano dal nostro repertorio alternandoci con altri gruppi, quindi, avremo modo di fare delle pause per potervi dedicare qualche momento.
 
Vi avvisiamo  che le sale hanno una capienza limitata pertanto, essendo tantissimi, è fondamentale che confermiate o meno la vostra presenza ed in quale dei due incontri preferireste venire.
 
Per confermare la vostra presenza all’incontro o per contattarci per qualsiasi altra informazione, scrivete a quartettosharareh@gmail.com
Ci vediamo a Romasposa 2017?…Vi aspettiamo…

Ci vediamo a Romasposa 2017?…Vi aspettiamo…

Anche quest’ anno Romasposa è tra i nostri più importanti eventi…

Vi aspettiamo presso il nostro stand per ascoltare la nostra musica dal vivo e per conoscerci, chiaccherare e programmare la  musica del vostro giorno più bello…

Il 7 dicembre alle 21,30 “Papaveri e Stelle” con Gerry Gherardi…

Il 7 dicembre alle 21,30 “Papaveri e Stelle” con Gerry Gherardi…

Una nuova emozionante avventura…
Gerry Gherardi, cantautore, e 7 musicisti eccezionali!!
Al pianoforte, Vito Terribile, anche arrangiatore, al basso e all’altra chitarra Luca Leonori anche produttore, arrangiatore…
…. il Quartetto Sharareh….
Accanto alla voce di Gerry Gherardi, ci sarà quella calda e suadente di Valentina Naselli. La fonica sarà curata da Angelo Compagnoni, anche produttore, e l’occhio che ci guarderà sarà quello del nostro fotografo Emiliano Rossi.

Prossimamente…

Prossimamente…

MUSICA, DANZA e POESIA SUFI

Pejman Tadayon Ensemble
Martina Pelosi : voce, armoniom, sansula
Massimigliano Barbaliscia: santur
Simone Pulvano: percussioni
Carlo Cossu: violino
Fabiano Giovannelli: batteria
Pejman Tadayon: oud, saz, voce, daf

Quartetto d’archi Sharareh:
Marzia Ricciardi: violino
Farfurì Nuredini: violino
Roberta Pumpo: viola
Federica Vecchio: violoncello

corpo di danza sufi:
Jolina Iavicoli
Zaira Giannotti
Silvia Layla
Shanti vittorio zotti

coro persepolis diretto da Pejman Tadayon
coro chaosity/singing movie diretto da Barbara Eramo

Inaugurato nel marzo 2013, con il primo dei quattro concerti realizzati all’Auditorium Parco della Musica di Roma, il Pejman Tadayon Sufi Ensemble è il primo progetto in Italia ad aver fuso le tre discipline che meglio esprimono, dal punto di vista artistico, l’essenza del Sufismo (musica, danza e poesia). Partendo dai versi in lingua originale dei più rappresentativi esponenti di questa corrente mistico-filosofica, il progetto punta ad esaltare la bellezza e la vastità del repertorio musicale di tradizione persiana, proponendo una miscela di ritmi e di suoni che, pur senza tradirne l’essenza, lo attualizzi e lo avvicini alla sensibilità dell’ascoltatore contemporaneo. L’ensemble riunisce, infatti, artisti di diversa estrazione, la cui formazione è frutto di influenze musicali che spaziano dall’etno-world, al rock, al funk, al jazz, al pop, alla musica classica. Fondato e diretto dal musicista e compositore persiano Pejman Tadayon, l’ensemble propone un’alchimia di suoni, coreografie e testi, ispirati alla vita e alle opere dei grandi mistici sufi. La bellezza e la sacralità dei poemi di Jalaluddin Rumi, Hafez e Omar Khayyam, cantati in lingua originale e condensati nelle liriche che meglio ne rappresentano la ricerca spirituale e la tensione verso il divino, sono scandite dagli strumenti della tradizione persiana (setar, ney, tar ,oud, santur, tombak, daf) e dalle coreografie del corpo di ballo femminile, il quale rievoca il Sema dei dervisci rotanti Mevlevi e l’arte dell’antica danza persiana.

Page 3 of 712345...Last »